giornata della Memoria

E’ GIORNO MEMORIA SHOAH, MA CHIETI CELEBRA MUSSOLINI

by • gennaio 12, 2014 • Argomenti, Cultura, locali, News, Riflessioni a 5 StelleComments (0)1988

Riceviamo e pubblichiamo dall’ufficio stampa dell’ANPI Pescara.

Politici tornino a studiare. Il sonno della ragione genera mostri.

Uno dei danni del degrado in cui è stata lasciata la scuola pubblica negli ultimi decenni, è la scarsa coscienza civile di molta classe dirigente italiana. Esempio ultimo: decidere di tenere una (immaginiamo rispettabilissima) rappresentazione teatrale sulla “liberazione” di Mussolini sul Gran Sasso, pur avendo tutto l’anno a disposizione, proprio a ridosso di un giorno, il 27 gennaio, che ricorda odi, lutti, sangue e tragedie esattamente provocati dal fascismo e dal suo capo.

È ben di più che una deliberata provocazione. È una riprova che molti dei mali dell’Italia attuale derivano da un ceto politico che ha retto e regge le sorti italiane da due decenni a questa parte, ma che non si riconosce nei valori fondanti della democrazia costituzionale italiana e quindi nella Repubblica, nata proprio dalla sconfitta del nazifascismo che provocò la Shoah e tutte le altre forme di persecuzione, deportazione, violenza che si ricordano il 27 gennaio a livello europeo.

Pure i drammi ricordati il 10 febbraio (esilio e foibe di italiani di ogni tendenza politica, ivi compresi partigiani) vengono offesi da una simile scelta. Essi, infatti, vennero provocati anche dai veleni inoculati per decenni dalla dittatura fascista nei complessi territori al confine orientale. Forse occorre tornare a studiare. Il sonno della ragione genera mostri e rovina le democrazie.

 

 

Ufficio stampa “ANPI Pescara – Ettore Troilo”

Info:

pescara@anpi.it

facebook.com/anpipescara

Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>