maselli_cornici_04

I capolavori oggi hanno i minuti contati.

by • settembre 24, 2015 • Controinformazione, Cultura, locali, News, racconta la tua città, Riflessioni a 5 Stelle, UncategorizedComments (0)717

Il noto imprenditore e gallerista originario di Tornareccio, Alfredo Paglione,  deve aver pensato di essere diventato improvvisamente il protagonista del celebre romanzo ‘Il mercante dei quadri perduti’. 

Perchè?

Proprio come   Daniele Berenzon che si aggirava nelle stanze vuote della galleria di Rue de La Boétie   per riprendere possesso, dopo 4 anni,  della sua straordinaria collezione di quadri, così il nostro mecenate abruzzese  si sarà aggirato nei giorni scorsi  nella sala 3 del museo Vittoria Colonna alla ricerca di   56 capolavori del’900,   donati nell’aprile dell’anno scorso al Comune di Pescara, che avrebbe dovuto esporli nella suddetta sala, ma che invece sono finiti in uno scantinato per far posto a una mostra fotografica.

Ecco dunque la richiesta, da parte dell’incredulo e sventurato Paglione ,  di scioglimento del contratto di donazione e restituzione della collezione con spese a carico dell’ente, e  l’obbligo (ignorato)  per il mecenate,  «di impegnarsi a non comunicare ad alcun organo di stampa l’avvenuta risoluzione consensuale della donazione» tale da  far capire immediatamente il livello non proprio eccelso del Palazzo di città.

L’interrogativo sorge spontaneo:
il ruolo dell’Assessore  alla cultura Giovanni Di Iacovo in tutta questa farsa?

La risposta può essere sintetizzata con una vecchia battuta del famoso comico Daniele Luttazzi:

-Hai visto cosa succede in questo paese?
-No, la mia stanza da’ sul retro

Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>