IL CENTROSINISTRA BLOCCA LA DISCUSSIONE SULLA MOZIONE SULLA GRANDE PESCARA

by • luglio 2, 2015 • Argomenti, Attività in Comune, Commercio e politiche lavoro, Comunicati, Lavori Pubblici, locali, News, SmartCity, TurismoComments (2)1089

IL CENTROSINISTRA BLOCCA LA DISCUSSIONE SULLA MOZIONE PER LA FUSIONE DEI COMUNI MONTESILVANO, PESCARA E SPOLTORE

M5s: < Un atto antidemocratico gravissimo contro il volere del 70% dei pescaresi che ha detto sì alla fusione>

Enrica Sabatini <Non parteciperemo all’evento “Pescara 2027″, fino a quando la città del futuro non sarà quella scelta dai cittadini e non solo da chi l’amministra>

 

Bloccata dai consiglieri di centrosinistra Teodoro e Gaspari la discussione sulla mozione del m5s relativa alla fusione tra i Comuni di Spoltore, Pescara e Montesilvano prevista oggi all’interno dell’assise comunale. La maggioranza del governo cittadino di Pescara impedisce infatti di ratificare la decisione già presa dal 64% dei cittadini dei tre Comuni coinvolti nel referendum sulla Grande Pescara del maggio 2014.

<Questa amministrazione oggi ha scoperto una fiscalità ad “orologeria” per la prima volta da quando ci siamo insediati>

spiega la capogruppo m5s Enrica Sabatini

 <il consiglio comunale è iniziato con 55 minuti di ritardo non dovuti a problemi tecnici, ma quando abbiamo chiesto qualche minuto in più di tempo per poter votare una mozione “scritta” dai cittadini, il 25 maggio 2014 durante il referendum, e calendarizzata per il consiglio di oggi, i consiglieri della maggioranza Teodoro e Gaspari si sono alzati impedendone di fatto la discussione”.

La Mozione presentata dal M5S impegna la Giunta comunale ad intervenire sul Presidente della Regione Luciano D’Alfonso per sollecitare l’approvazione della Legge Regionale sulla Nuova Pescara, presentata ad ottobre 2014 da Riccardo Mercante M5S.

<Dopo l’atto antidemocratico messo in opera oggi dalla maggioranza non parteciperemo più all’evento “Pescara 2027” >

sentenzia Enrica Sabatini in risposta all’invito fatto dal Sindaco Alessandrini.

<Il m5s parteciperà all’incontro tra amministratori locali e  l’Università di architettura per disegnare la futura città” continua la Sabatini “solo quando questa amministrazione consentirà di dare seguito alla volontà popolare. La città del 2027> spiega la consigliera pentastellata <deve essere la Pescara dei cittadini, che hanno scelto con il voto referendario il futuro della nostra città, e non quella di coloro che l’amministrano e vogliono ignorarlo>.

Il m5s invita tutta la cittadinanza a partecipare al prossimo consiglio comunale previsto il 7 luglio 2015 quando cioè la mozione tornerà in aula per vedere se la maggioranza ha intenzione di mettere in atto altri “trucchetti” da contrapporre al volere popolare

Pin It

Related Posts

2 Responses to IL CENTROSINISTRA BLOCCA LA DISCUSSIONE SULLA MOZIONE SULLA GRANDE PESCARA

  1. Francesco scrive:

    Esponenti di un partito che ha l’aggettivo DEMOCRATICO nel nome che si oppongono sfacciatamente alla volontà popolare, peraltro espressa a larghissima maggioranza in un referendum? Cittadini prima chiamati ad esprimere un’ opinione e poi volgarmente ignorati? Il Governatore D’alfonso che dichiara pubblicamente che l’unico motivo per cui non si sente di procedere è perché lui la “gonfiezza” di Pescara non la vuole? Pur non essendoci problemi pratici che ne ostacolino la realizzazione? Non ci credo.

    Se fosse vero ogni cittadino dovrebbe rivolgersi alla corte europea per i diritti dell’uomo e chiedere un risarcimento morale per l’umiliazione ricevuta!

    • Francesco De Simone scrive:

      Però, come dice il Presidente, dovete rispettare il contegno che è prescritto in questo Consiglio comunale. Robba forte!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>