La nostra storia

1 logo dell lista civicaNel 2006 a Pescara Stefano Murgo apre uno dei primi meetup in Italia sulla scia della richiesta di Grillo di creare gruppi cittadini per decidere delle problematiche locali. Il meet up non aveva una linea o un ideale da seguire, serviva solo a parlare delle problematiche più disparate all’interno del territorio di riferimento.

Sempre nel 2006 iniziano gli incontri con altri simpatizzanti in vari punti di Italia per cercare di coordinarsi su qualche tematica comune. Queste persone che possono senz’altro considerarsi “storiche” sono: 

Stefano Murgo (Pescara), Mauro Aurigi (Siena), Michele Pietrelli (Perugia), Vittorio Di Giacinto (Teramo), Giuseppe Carpentieri (Salerno) Patizia Pappalardo (Milano), Franco Dell’Alba (Aleassandria), Claudio Torrenzieri (Castrocaro Terme).

A questo punto Stefano propone di creare delle liste civiche in democrazia diretta sotto il nome di Beppe Grillo, la cui funzione era quella di  fare da cassa di risonanza al progetto, in cui ognuno aveva la propria autonomia locale seguendo un unico manifesto, molto snello, in cui i punti principali erano tre:

  1. TRASPARENZA
  2. MANDATO VINCOLATO
  3. PARTECIPAZIONE

Questi soli tre punti dovevano portare ad una vera rivoluzione nella gestione della cosa pubblica in quanto si andava a stravolgere, alla fonte, il concetto, in Italia del tutto travisato, di cosa pubblica, di rappresentanti all’interno delle istituzioni e la stessa gestione delle istituzioni a favore e con il cittadino. Il modello su cui nasceva questa idea di partecipazione era quello Svizzero dove la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica e’ molto sentita e, soprattutto, regolamentata perché possa accadere.

Se ne discusse ampiamente anche nel meet up n. 280, gestito all’epoca da Stefano Murgo, che era divenuto il punto di riferimento a livello nazionale dei vari gruppi. A corredo nacque il portale partecipa.info che doveva essere a servizio di questa unione di liste in democrazia diretta. Purtroppo dopo un po’ questo portale per gli eccessivi costi di gestione e di tempo fu abbandonato.

Pertanto con questi pochi punti, e con l’appoggio morale di alcuni altri simpatizzanti di varie parti d’Italia, Stefano chiese a Grillo di poter presentare questo progetto all’interno di un suo spettacolo teatrale che si e’ tenuto a Roseto nei primi mesi del 2007, (aiutato in quell’occasione da Vittorio Di Giacinto).

Da quella data inizia l’avventura politica degli amici di Beppe Grillo con il nome Pescara in comune by amici di Beppe Grillo, le altre liste avranno poi lo stesso nome cambiando, ovviamente,il nome della citta’. Il logo fu realizzato da “The Hand” noto disegnatore, presente nelle pagine del Blog di Grillo, che dietro il faccione di Beppe stilizzo l’orologio del comune di Pescara.

Appunto da questa data iniziano i primi  incontri all’interno dell’Hotel Miramare di Montesilvano, divenuta una sorta di roccaforte in quanto il titolare Antonio Di Febo, un amico a cui saremo per sempre grati per la sua gentilezza e dedizione senza nessun tornaconto. Pescara diventa, per ovvi motivi, il punto di riferimento di tutte le altre liste che verranno in seguito. Saranno copiati, e di questo ne siamo fieri, i nostri primi statuti associativi e, ovviamente, i principi di base su cui si fondava il movimento (principi presenti tutt’oggi).

Pescara in Comune by Amici di Beppe Grillo si presenta alle elezioni del 2008 con questo programma ottenendo discreti risultati.

manifesto con i primi candidati

A causa della caduta della giunta D’Alfonso si torna a votare dopo soli sei mesi costringendo i pochi attivisti ad uno sforzo immane. Forse a causa di quello sforzo e della delusione per non esser riusciti ad esprimere un consigliere il gruppo perse di consistenza anche se ormai il virus di quell’idea era entrato stabilmente nei cuori di quegli attivisti e non li ha più lasciati. Gianni Smarrelli è stato candidato alle politiche del 2013 ed oggi è uno degli attivisti del Movimento 5 Stelle Città Sant’Angelo, Marcella Palombaro ha contribuito a fondare il Movimento 5 Stelle Silvi città nella quale si è trasferita, Pierluigi De Virgilis continua la sua attività di simpatizzante. Insomma da quel primo gruppo sono usciti i semi che hanno fatto nascere nuovi gruppi vicino Pescara.

Intanto in tutta Italia le liste aumentavano molto velocemente e la forza di riuscire ad aiutarle tutte nella loro formazione diventava piuttosto complessa e fu a quel punto che Beppe disse che avrebbe preso in mano direttamente lui la situazione perché c’era bisogno che il tutto venisse gestito in un unico portale uniformando tutti. Poco dopo nacque quello che conoscete ora, il Movimento 5 Stelle.

Nel 2011 Gabriele Straccini, Maria Assunta Di Simone e Fiorella Tessitore, permeati dal concetto “noi non molliamo mai”, provano a chiamare a raccolta vecchi e nuovi attivisti programmando ed annunciando una assemblea aperta a tutti coloro che fossero interessati alle idee ed ai programmi di Beppe. All’appello rispondono in molti e i 3 promotori insieme a Gianluca Vacca, Andrea Colletti, Carlo Spatola Mayo, Massimo Di Renzo, Alessio Giovannini ed altri ricostruiscono un nutrito nucleo di attivisti; nasce il blog del Movimento 5 Stelle Pescara e pian piano il gruppo riprende forza fino al punto da far nascere dalle sue costole i gruppi di Montesilvano e Spoltore che si presentano alle amministrative del 2012 eleggendo i primi consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle in Abruzzo e, alle politiche del 2013, facendo addirittura eleggere i primi deputati. Il gruppo, qui puoi vederne i componenti, oggi è molto cresciuto ed è particolarmente agguerrito e determinato a centrare i prossimi obiettivi che sono la Regione Abruzzo e il Comune di Pescara.

Questo racconto sulle origini del movimento vuole essere il giusto riconoscimento a quei pionieri che hanno creduto per primi in una idea rivoluzionaria e che non si sono arresi nemmeno nei periodi più difficili. Allo stesso tempo deve servire anche da sprone per tutti a dimostrazione del fatto che, anche  se soli o in pochi, ma con una buona idea e molto impegno si riescono a raggiungere grandissimi risultati, anche spesso insperati.

Il cammino del Movimento 5 Stelle e’ appena iniziato.

Comments are closed.