L’insignificante risposta del Ministro Clini

by • marzo 29, 2013 • ComunicatiComments (0)947

logo200COMUNICATO STAMPA Pescara, 29 marzo 2013 – L’insignificante risposta del Ministro Clini

Partiamo dal presupposto che secondo noi un Ministro dell’Ambiente non dovrebbe essere molto favorevole ad un incontro con le società britanniche di energia che operano esplorazioni per estrazione di idrocarburi, mentre dovrebbe essere veloce e attento nel rispondere alle istanze territoriali che vorrebbero difendere e tutelare il territorio. Chiarito ciò, siamo stati decisamente sorpresi dalla celerità con cui il Ministro ha risposto al nostro comunicato stampa di mercoledì scorso. Peccato che la sua risposta non abbia sciolto i numerosi dubbi posti dalla lettera della Medoilgas che abbiamo reso pubblica.

Primo: la lettera è stata sì recapitata al Ministero, ma è indirizzata al Ministro in persona.

Secondo: se, come scritto nella nota, il ministro non ha mai avuto rapporti con la Medoilgas, allora perché il Ministro non ha smentito quanto affermato dalla società petrolifera non appena ha ricevuto tale missiva, ovvero a giugno dell’anno scorso? Ci sembra molto strano che un Ministro riceva una lettera così compromettente per il ruolo che ricopre e non si affretti a smentirla immediatamente!

Terzo: il Ministro, nell’elencare i suoi presunti meriti, dimentica appunto di citare il famigerato art. 35 del decreto “Prestigiacomo” del Governo Monti, votato dal tandem PD – PDL, con il quale sono stati sbloccati moltissimi progetti, compreso Ombrina 2, e per il quale la Medoilgas ha ringraziato appunto il Ministro per il “prezioso contributo apportato”.

Quando il Ministro afferma che “la nostra normativa resta la più restrittiva d’Europa” sembra stia parlando di un altro film: le sue parole sono smentite dalle numerose concessioni di esplorazione e di coltivazione di idrocarburi presenti su tutto il territorio regionale e nazionale. Nello specifico di Ombrina, stiamo parlando di una concessione che doveva essere terminata ma che è stata riesumata anche grazie agli effetti della norma del Governo Monti e per effetto di una “lentezza” del Ministero dell’Ambiente (quando Clini era Direttore Generale); di fatto Ombrina è tutt’ora attiva nonostante molti aspetti burocratici siano ancora da chiarire. Infatti ci piacerebbe sapere come mai il preavviso di rigetto dell’istanza di concessione di coltivazione degli idrocarburi di Ombrina Mare, in virtù degli effetti prodotti dal dlgs 128/2010 (Decreto Prestigiacomo), non sia stato mai perfezionato. Non era Clini il Direttore Generale del Ministero dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare all’epoca del preavviso di rigetto (rigetto dovuto in quanto prescritto dalla nuova norma)? Non era sempre Clini (con i suoi collaboratori) che attraverso un esito di preavviso di rigetto mai concluso, di concerto con il Ministero delle Attività Produttive, riusciva a sospendere e prolungare il permesso di ricerca degli idrocarburi risalente al 5 maggio 2005 della durata di 6 anni per prolungarla fino alla nuova norma “risolvi problemi” studiata?

Caro Ministro, è arrivato il momento che Lei chiarisca in Parlamento. Non chiediamo le dimissioni in quanto vogliamo evitare di assistere all’ennesima sceneggiata delle dimissioni di un Ministro dimissionario.

I deputati abruzzesi del Movimento 5 stelle

Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>