Mare inquinato: interrogazione parlamentare M5S

by • settembre 9, 2015 • Ambiente, Argomenti, Comunicati, Legalità, nazionali, News, Parlamentari 5 stelleComments (0)609

Mare inquinato: interrogazione parlamentare M5S

Nove comuni abruzzesi costieri hanno registrato quest’anno almeno un superamento dei limiti nei tratti di mare antistanti; le norme prescrivono che in questi casi i comuni debbano comunicare al Ministero della Salute i provvedimenti di divieto di balneazione e le ragioni di tali divieti: con un’interrogazione parlamentare chiediamo quindi al Ministero se tali comunicazioni siano avvenute e quali siano le ragioni indicate dai comuni stessi”

affermano i deputati abruzzesi del M5S Vacca, Colletti e Del Grosso, firmatari dell’interrogazione.

“Il comune più grande dei 9, ovviamente, è Pescara, dove la gestione dell’inquinamento marino è stata del tutto inadeguata. Le giustificazioni del sindaco e della maggioranza sono imbarazzanti, e rivelano un quadro desolante nell’amministrazione della città. Oltretutto resta anche un quesito al quale l’amministrazione pescarese non ha mai risposto: il 21 luglio, in occasione dell’ennesimo superamento dei limiti in via Balilla (dopo solo pochi giorni dall’ordinanza di revoca) è stata emessa l’ordinanza di non balneabilità? Ed è stata comunicata ai cittadini? Sono state prese le misure previste dalla legge?

La verità è solo una: le responsabilità di questa situazione sono di un’intera classe politica, del centrosinistra attualmente al governo come del centrodestra precedentemente al governo di regione e comuni. Le ragioni dello stato comatoso del nostro mare e dei nostri fiumi sono in gran parte responsabilità di chi ha governato negli anni passati (ricordiamo che anche l’Abruzzo è compreso tra le regioni per le quali l’UE ha sanzionato l’Italia in merito al trattamento delle acque reflue e ai depuratori), centrodestra come centrosinistra (lo stesso D’Alfonso, quello degli ufo, delle coccole ai cittadini e delle promesse di riconciliazione delle acque dolci con quelle salate), è stato presidente di Provincia e sindaco di Pescara!); la gestione dell’emergenza e la risoluzione dei problemi sono invece responsabilità degli attuali governi, dalla regione che la la competenza principale, ai comuni, sia per responsabilità dirette che come “soci” dell’ACA.
Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>