Strage Lampedusa: servono navi umanitarie, non da guerra

by • ottobre 3, 2013 • nazionali, News, VideoComments (0)741

Lampedusa. L’ennesima drammatica strage si è consumata, dopo che le urla nel silenzio del sindaco di Lampedusa al Parlamento ed al Governo sono rimaste inascoltate.
Il Movimento 5 Stelle è intervenuto in aula al Senato con Roberto Cotti eManuela Serra, ricordando la strage costata la vita a 94 persone. Quello che è accaduto impone la revisione urgente delle spese del Bilancio della Difesa.
Riflettiamo.

L’Italia dispone di :

60 navi da guerra (una portaerei, 4 unità anfibie, 4 cacciatorpediniere, 11 fregate, 3 rifornitrici, 6 corvette, 10 pattugliatori, 10 cacciamine, 3 navi idrografiche, 6 sommergibili, un supporto subacqueo ed una unità per ricerca elettronica) e che spende 5.680 milioni di € per le Fregate Fremm, 1.319 € per la Portaerei Cavour922 milioni di € per i sottomarini U212.

Come proposto in tempi non sospetti dal M5S con la mozione per sospendere il programma FREMM, è ora che si taglino i fondi al settore militare per acquistare con queste risorse navi utili ad esercitare fattivamente aiuti e scopi umanitari .

Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>